mercoledì 6 luglio 2011

je t'aime - google non plus

non riesco a stabilire se sia più inquietante il sistema del social network (click) che nasce per correggere gli errori de IL social network ed arrivare a mangiargli in testa, oppure il fatto che essendo - momentaneamente - a invito, non solo, ma anche - momentaneamente - chiuso perfino agli invitati ha scatenato una serie di invidie (che mi ricordano devo dire un pattern da festa delle medie o à la ce l'ho più lungo io) in chi non è ancora riuscito ad accedere e violare così la grande ingiustizia: perché lui ha già il suo profilo ed io non ancora?

visto il potere seduttivo mistico di un plus mi stupisce che in così tanti odiino la matematica.

(questo è l'indennizzo per la tua coda di paglia)

- presto a grande richiesta un post sul perché questo nuovo aggeggio farà la felicità dei fedifraghi, datemi almeno il tempo di farmi invitare perdio! -

14 commenti:

  1. "Tu non vieni".
    Non importa, sai, ci avevo judo. Ma se serve vi porto i dischi cosii' potrete ballare i lenti
    "Porta pure ma non entri".
    Ma perche' siete così? Io che credevo, io che speravo. Parteciperò, mi autoinviterò, dannata festa delle medie.


    per mia fortuna sono asociale e questa lotta dei social network la vivo piuttosto da lontano

    il titolo del post è molto bello

    RispondiElimina
  2. Uhm... appena ti invitano fammi avere notizie :)

    RispondiElimina
  3. steal si preannuncia la guerra fredda di questo secolo, io il biglietto da spettatore in prima fila lo prenderei ;)

    offrensi subinviti alla nuova diavoleria google. per prenotarsi citofonare su facebook ore pasti

    RispondiElimina
  4. subinviti? Quindi sei nell'inner circle? complimenti vivissimi

    RispondiElimina
  5. eh non ancora, perciò raccolgo prenotazioni

    RispondiElimina
  6. ma poi "condividere nel web come condividi nella vita reale".
    Io nella vita reale non condivido molto perché alle persone solitamente non gliene frega un-

    RispondiElimina
  7. infatti se l'intento è quello di moderare la smania facebookiana di farsi i cazzi degli altri vedo che siamo sulla strada sbagliata

    RispondiElimina
  8. ma è più sottile: si modera la possibilità che altri si facciano i propri cazzi.
    Quindi si controlla meglio ciò che si condivide, e si resta su feisbuc a farsi i cazzi altrui.
    Ah, mi prenoto :-P

    RispondiElimina
  9. Non ho FB ma Google+ lo sto provando. E' chiaro che deve crescere ma mi piace pensare di essere stato uno dei primi ad averlo. Il fatto che non lo uso è un altro discorso...

    RispondiElimina
  10. Il titolo è strepitoso.
    Ci sono due scenari possibili:
    A) Su Google Plus migrano sono quegli utenti consapevoli che sono stanchi del casinismo di Facebook. Fantastico. Un FB per utenti maturi informaticamente e cerebralmente.
    B) Su GP migrano tutti gli utenti di FB, compresi i minchia. FB diventa un posto migliore e di nicchia. Fantastico.

    RispondiElimina
  11. hai scordato lo scenario apocalittico nonchè probabile: tutti si iscrivono dappertutto ed entrambi i siti fanno cagare uguale

    RispondiElimina
  12. sui social network e la loro pericolosità non si riflette tanto... personalmente li odio, e sto cercando di scriverne il peggio possibile... :)

    anzi se hai da scriverne male (in forma narrativa) sei la benvenuta! :)

    RispondiElimina
  13. che qualcuno mi raccomandi!!!!

    RispondiElimina
  14. Ho visto un post che ne parlava, ieri. Non era tanto il post a essere interessante, quanto la fila di "a me!" nei commenti. Sembra che tutti non aspettassero altro, come se FB non gli togliesse già la vita

    Simone de Jenet

    RispondiElimina